MomArte srls

12 errori da evitare quando si dipinge con gli acquerelli

  • View Larger Image

Se hai di recente iniziato a dipingere con gli acquerelli, probabilmente sarai cascato almeno una volta in uno di questi errori. Anche artisti navigati, che da anni si cimentano con questa tecnica, commettono ancora qualche piccolo sbaglio senza rendersene conto.

Con questo articolo vogliamo aiutare tutti coloro che si stanno affacciando per la prima volta al mondo dell’acquerello, oppure che già hanno iniziato con questa tecnica ma ancora non si sentono sicuri al 100%. Per raggiungere dei risultati soddisfacenti non basta sapere come dipingere; bisogna anche sapere alla perfezione anche come non dipingere.

Ecco, dunque, 12 errori da evitare quando si dipinge con gli acquerelli!

Utilizzare la carta sbagliata

Il primo errore da non commettere riguarda la scelta della carta. Soprattutto quando si parla di acquerello, utilizzare una carta appropriata risulta fondamentale. Per esempio, dipingere sul cartoncino è sbagliato, esso non è in grado di assorbire tanta acqua e un suo utilizzo con l’acquerello lo porterebbe ad imbarcarsi.

Esattamente come per il carboncino, utilizzare della comune carta da fotocopie, non è appropriato. L’eccessivo utilizzo di acqua la porterebbe a bucarsi, oppure a formare delle increspature che non consentono una buona riuscita del dipinto.

È quindi molto importante scegliere il giusto supporto, una carta per acquerello deve essere in grado di assorbire una buona quantità acqua senza imbarcarsi, consentendo una buona resa del colore.

Carta Arches Aquarelle

Usare la finitura non adatta al tipo di lavoro da realizzare

Rimanendo sempre in tema di carta, un’altra decisione importante da dover prendere riguarda la grana della carta stessa. Ogni lavoro che si desidera realizzare, necessita dell’apposita carta. Per esempio, la grana satinata non permette troppe correzioni. La grana grossa, per via della sua texture, non permette all’artista di lavorare in modo facile e scorrevole sui dettagli.

Scegliere la grana adatta è fondamentale, per aiutare gli artisti abbiamo scritto una piccola guida. Se sei interessato ad approfondire come scegliere la carta per acquerello corretta, ti consigliamo di dare uno sguardo a questo link!

Non bloccare la carta con il nastro per tenere tesa la carta

Spesso molti artisti si dimenticano di eseguire questo passaggio, ovvero bloccare il foglio di lavoro con del nastro. Purtroppo, lo scotch di carta spesso non funziona molto bene sulla carta bagnata; per questo ti suggeriamo di usare del nastro telato (anche detto nastro kraft o gommato), che invece funziona perfettamente in contesti ‘umidi’.

Questo passaggio è importante in quanto l’acqua tende ad imbarcare il foglio e il fissaggio consente di scongiurare questo tipo di problema. Se si utilizza un blocco collato su 4 lati, questo step può essere saltato.

Non provare il colore prima di applicarlo

Abbiamo iniziato a parlare di carta, ora passiamo ai colori. Un errore da evitare, che anche artisti navigati commettono, è quello di non provare il colore prima del suo utilizzo.

Prova dei Professional Watercolour di Winsor&Newton

Il nostro consiglio è quello di avere sempre a disposizione un pezzo di carta, meglio se la stessa che si andrà ad utilizzare per il disegno, dove provare sia il tratto del pennello che la resa del colore. L’ideale sarebbe provare i colori prima e aspettare che asciughino, questo consente di vedere bene quale sarà la resa finale.

Usare i godet per lavori di grandi dimensioni

Questo non è un vero e proprio errore, ma un consiglio che vogliamo darti nel caso in cui debba realizzare un dipinto di grandi dimensioni. Nel caso in cui si necessiti coprire un area grande, è preferibile utilizzare i tubetti di colore invece che i godet. Questo renderebbe il tutto decisamente più comodo.

Consigliamo di dare uno sguardo al nostro articolo di confronto tra i godet e tubetti, è possibile trarre spunti molto interessanti!

Tubetti Acquerelli Horadam Schmincke

Usare acqua sporca

Il terzo errore da evitare riguarda l’acqua, durante la pittura ad acquerello è infatti molto importante non utilizzare acqua sporca. Il suo impiego porta i godet oppure i colori già presenti sulla tavolozza, a fornire delle tonalità indesiderate.

Quello che bisogna fare per evitare questo problema è molto semplice, il nostro consiglio è quello di tenere sempre due vasetti d’acqua: uno per sciacquare il pennello dal colore appena utilizzato e l’altro per prelevare l’acqua. In questo modo non si andrà ad intaccare in nessun modo la tonalità.

Usare Pennelli della dimensione sbagliata

La scelta del pennello e in particolare della sua misura è molto importante. Utilizzare pennelli troppo piccoli per coprire aree grandi, porta a stendere il colore in modo non uniforme e a lasciare segni sul foglio. Se stai cercando di ottenere degli effetti particolari, puoi provare ad utilizzare dei pennelli piccoli per aree grandi, ma se non è questo il tuo intento devi assolutamente provvedere a cambiare pennello.

Il nostro consiglio è quello di fare delle prove per capire quanta superficie puoi coprire con un dato pennello, generalmente per un foglio A4 viene utilizzata una misura 12. Per scegliere accuratamente il pennello corretto, ti consigliamo di dare uno sguardo al nostro articolo che parla dei migliori pennelli per acquerello.

Pennello per acquerello Aquasynt Tintoretto

Non sostituire i pennelli

Cambiare i pennelli è molto importante. Purtroppo il loro utilizzo ripetuto nel tempo porta le setole a modificare la loro forma e, se utilizzate, possono causare la realizzazione di segni non desiderati.

Mettere i pennelli a testa in giù nell’acqua

Gli artisti abituati a lavorare con gli acrilici o con i colori ad olio, sono soliti lasciare i pennelli con le setole immerse nel liquido, per evitare che la vernice secchi su di esse.

I pennelli per acquerello sono solitamente più morbidi, questo perché devono trattenere più acqua, è molto importante quindi avere uno spazio dove poter tenere orizzontalmente i pennelli utilizzati. La cura dei pennelli è un aspetto importantissimo che spesso, purtroppo, molti artisti sottovalutano. Riguardo questo argomento abbiamo scritto un interessante post nel nostro blog, ti consigliamo di dargli uno sguardo se desideri qualche consiglio in più su come prenderti cura dei tuoi pennelli per acquerello.

Bagnare troppo – o troppo poco – il foglio

Quando si dipinge con gli acquerelli è importante trovare un buon equilibrio riguardo l’utilizzo dell’acqua. Se si lavora bagnato su bagnato il foglio deve essere lucido ma non formare delle “pozzanghere”, utilizzando troppa acqua si ha un impatto negativo sulla resa del colore, in quanto viene diluito troppo. Se invece ne viene utilizzata troppo poca, il pennello fatica a scivolare sul foglio.

Un prodotto che è in grado di rilasciare la quantità giusta d’acqua è, per esempio, la pennellessa presente nel Set di Laura Cortinovis, è ottima ed estremamente facile da utilizzare.

Non aspettare che un’area asciughi prima di passare a quella adiacente

Spesso quando si dipinge è necessario avere pazienza, soprattutto con gli acquerelli. Se si desidera dipingere un area adiacente a una già dipinta con un colore diverso, è necessario aspettare che l’area in questione asciughi.

Se si inizia a dipingere subito, senza aver atteso il tempo necessario per la completa asciugatura, i due colori potrebbero mischiarsi ed il contrasto potrebbe non rimanere netto.

Non pianificare il disegno

Siamo quasi giunti alla fine di questa piccola lista di errori da evitare quando si dipinge ad acquerello. In questo paragrafo affronteremo una questione importante, ovvero la pianificazione del dipinto.

Quando si utilizzano gli acquerelli è molto importante pianificare sempre il dipinto, prima di iniziare a dipingere è molto importante tenere conto di quali saranno gli spazi bianchi. Una volta passato il colore non sarà possibile cancellare, sì si può utilizzare della tempera bianca ma il risultato sarà particolarmente opaco.

Per eseguire questo passaggio in tranquillità, ti consigliamo di utilizzare il liquido per la mascheratura come per esempio la penna per mascherare di Schmincke, la quale consente la realizzazione di dettagli precisi e puliti. Nel caso in cui si necessiti di qualche consiglio in più, suggeriamo di dare uno sguardo al nostro articolo riguardo come si utilizza il liquido per la mascheratura.

Articolo scritto da:

Federico è appassionato di scrittura, di arte e di sport. Su MomArte si occupa della realizzazione degli articoli e dei rapporti con gli Artisti con cui collaboriamo!

Leave A Comment