MomArte srls

Come disegnare una mucca

  • View Larger Image Come disegnare una mucca a matita

Non ci stupiamo che tu voglia imparare come disegnare una mucca.

Le vediamo pascolare pigramente quando riusciamo a scappare dalla città per portarci lì, in mezzo ai prati d’altura.

Strappano grossi ciuffi d’erba, scacciano le mosche muovendo le orecchie e la lunga coda, fanno passi pesanti facendo risuonare il campanaccio che hanno attorno al largo collo.

Alcune di loro si muovono qui e lì, con passo lenti, mentre altre se ne stanno sdraiate a terra, con fare pacifico e distratto. Parliamo ovviamente delle mucche, animali fondamentali per l’uomo: addomesticati fin dal Neolitico, i bovini hanno svolto un ruolo importantissimo nella nostra storia, aiutando nei campi e fornendo, oltre alla forza lavoro, carne, latte e quindi formaggi.

Non ci stupiamo, quindi, che tu voglia imparare come disegnare una mucca, da sempre al fianco dell’uomo!

Disegnare una mucca: tutto il necessario

Come sempre le nostre guide di disegno e di pittura partono dall’elenco degli accessori necessari per poter arrivare a un risultato soddisfacente e duraturo nel tempo.Se hai già tutto il necessario, passa oltre; se invece non sai bene cosa ti può essere utile per un disegno fatto con i fiocchi e in modo divertente, continua a leggere, e in caso fai un passaggio veloce sul nostro e-commerce dedicato alle Belle Arti!

Partiamo dalla carta da disegno: per iniziare bene dovresti poter contare su due differenti di carta, ovvero su della carta da schizzo e da disegno.
Il blocco da schizzo presenta della carta di qualità ma dalla grammatura ridotta, pensata appositamente per abbozzare disegni veloci con matita, carboncino, sanguigna o pastello. Il blocco da disegno – dove farai invece il disegno vero e proprio, quello da conservare nel tempo – presenta invece dei fogli con una grammatura maggiore.

Ti serviranno poi delle matite da disegno, e quindi delle matite in grafite.
Per divertirti nell’esecuzione e per avere un risultato ottimale ti serviranno almeno tre matite, ovvero una dura, per fare linee sottili e precise, come per esempio i contorni, una media e una più morbida, per fare il chiaroscuro.

Dovrai poi avere delle gomme – meglio tre, ovvero una normale gomma bianca, una gomma pane e uno sfumino – un temperamatite, un po’ di carta abrasiva per perfezionare la punta delle tue matite…. e nient’altro!

Bene, possiamo passare a vedere come disegnare una mucca a matita.

Cose da tenere in considerazione per disegnare una mucca

Prima di iniziare a disegnare, dovresti perdere qualche momento e osservare per bene delle mucche: dal vivo, su delle vecchie foto, su delle riviste, online, l’importante è che tu osservi davvero questo animale, per vedere dei dettagli che non avevi mai notato.

Fai caso alla grande cassa toracica protesa verso il basso, alla forma e alla lunghezza delle corna, ai muscoli visibili a livello delle spalle e del collo, alle sfumature di colore, alle grinze della pelle, alle vene visibili sulla mammella, ai lunghi peli con cui termina la coda… insomma, dovresti guardare quella mucca come se fosse la prima volta che ne vedi una!

Una foto di una mucca al pascolo

Partiamo dagli schizzi preparatori della mucca

Ora che hai osservato per bene il tuo soggetto, puoi iniziare a fare i primi schizzi, avendo capito per bene la sua struttura.

Per imparare come disegnare una mucca dovrai infatti prima esercitarti con vari bozzetti, stilizzando questo animale in modo da riprodurne in modo fedele le forme e le proporzioni. Non sarà facile come potresti pensare, in quanto le varie prospettive trasformano in modo spiccato questo animale.

Partiamo dalla prospettiva più semplice, ovvero da quella laterale: la mucca è in piedi e sta passeggiando in direzione perpendicolare al nostro sguardo. È possibile abbozzare il tronco come un vero e proprio cilindro – al quale aggiungerai poi le sporgenze di ventre mammella – dal quale si stacca, davanti, un cono tronco, proteso verso l’alto o verso il basso (in base alla posizione che vogliamo dare alla testa). Lo stesso capo, visto da un lato, si presenterà in forma conica, con la punta smussata.

Bozze della mucca di profilo

Per abbozzare le gambe, come abbiamo già visto per altri animali come i cani, dovrai partire dalle spalle, disegnando dei fagioli – l’uno contrapposto all’altro e posizionati subito al di sotto della linea della schiena – per poi completare ogni singola gamba con due stretti cilindri, ricordandosi che le gambe delle mucche sono piuttosto corte.

Completato questo primo schizzo, sul medesimo foglio o su un altro, prova a riportare la mucca a partire da altre prospettive, o magari in altre posizioni o atteggiamenti: in questo modo porterai avanti lo studio di questo animale, per poterlo poi ritrarre al meglio!

Bozze mucca altre prospettive

Come disegnare una mucca, passo dopo passo

Riprendi in mano il bozzetto di partenza, e riportalo sul tuo foglio da disegno.

A questo punto, puoi disegnare in modo dettagliato i contorni della mucca, riportando dunque la linea della schiena, le mammelle, gli zoccoli, gli occhi, la mascella e il naso, abbozzando anche le orecchie. Inizia poi a delineare – con un tratto estremamente leggero – i muscoli visibili e le pieghe della pelle, così da avere una base di riferimento per i passaggi successivi.

Il bozzetto del profilo della mucca

A questo punto, usando una matita un po’ più morbida, individua le zone di ombra, rendendole più scure con brevi tratti di matita ravvicinati – da tracciare tenendo a mente il variare delle superfici, sfruttando dunque queste lineette per risaltare muscoli e rotondità. Concentrati sulle parti più scure dell’animale, ovvero sugli zoccoli, sul naso, sulla parte terminale delle corna, nonché sulle ombre che definiscono il ventre e il collo dell’animale.

Ora, con la matita più morbida, dedicati invece alla cromaticità della mucca: il suo pelo è cortissimo, e ti permette quindi di usare la matita in modo molto sfumato e leggero per definire il mantello, premendo più o meno a seconda delle tonalità. Anche le mucche con un mantello monocromatico, nella maggior parte dei casi, presentano delle aree più chiare e delle aree più scure.

Il disegno della mucca con più dettagli

Sempre con il chiaroscuro, dona espressività allo sguardo dell’animale, lavorando in particolar modo sul contorno degli occhi. Infine, concentrati sui gruppi muscolari, evidenti soprattutto nella parte anteriore.

Il disegno della mucca finito

Altri bovini tutti da disegnare

Ora che hai imparato come disegnare una mucca, puoi usare queste stesse conoscenze per disegnare altri bovini.
Potresti tratteggiare dei vispi vitellini, esaltandone la giocosità affiancandoli a un ruminante più grande e decisamente più tranquillo.

Oppure, se ti sei divertito a modellare i muscoli della mucca, potresti passare al disegno di tori e di buoi, i quali presentano una struttura muscolare decisamente più accentuata.

E se invece vuoi variare ancora di più, puoi ritrarre dei bovini dal pelo lungo, come per esempio lo yak o il bisonte, che presenta ben tre tipi di mantello, per far sbizzarrire – o disperare – qualsiasi disegnatore!

Articolo scritto da:

Fondatore del progetto MomArte, appassionato di pittura e Belle Arti a 360 gradi, completamente autodidatta e felice di essere un "eterno studente" (d'altronde non si finisce mai di imparare, no?). Amo scrivere articoli dove parlo delle tecniche pittoriche e dei materiali per dipingere. Se hai qualche domanda scrivimi e sarò felice di risponderti, oppure scopri di più su di noi!

Leave A Comment