MomArte srls

Intervista a Eudes Correia

  • View Larger Image

Eudes Correia è un artista brasiliano con sede a Lisbona.
Abbiamo avuto il piacere di conoscere Eudes in occasione di una demo organizzata il 25 Settembre 2020.

Acquerellista con un talento innegabile, è da anni ambasciatore del prestigioso produttore di colori ad acquarello Winsor & Newton. Appassionato di questa tecnica, trasforma turisti e cittadini nei protagonisti del suo lavoro, raccontando sempre una storia attraverso di loro e mostrando una tecnica precisa. Importante artista sulla scena internazionale che tiene workshop in tutto il mondo.

Questo è Eudes Correia.

Abbiamo deciso di intervistarlo per mostrarvi qualcosa di più sul suo mondo!

Chi è Eudes Correia e come è nato il tuo interesse per la pittura?

Sono brasiliano, vivo a Lisbona, sono sposato e ho 3 figli. Non ho religione, ma credo in Dio.

Mi piace molto l’arte e sono appassionato di acquerello. Amo dipingere ascoltando Jazz o Bossa Nova, accompagnati da un buon vino.
Amo il caffè e viaggiare, incontrare nuove culture e nuovi amici.

Il mio interesse per l’arte è iniziato molto presto, quando avevo solo 5 anni. Ho un fratello maggiore che è un artista. E’ stato il mio principale riferimento e fonte di ispirazione per voler essere un artista. Il suo nome d’arte è Manuka.

Raccontaci della tua carriera. Sei sempre stato un acquerellista?

La mia origine artistica deriva dall’illustrazione e dalla grafica.

Sono nato e ho trascorso tutta la mia infanzia in una regione del Brasile dove non c’era molto accesso all’arte. Non c’erano musei, accademie o gallerie d’arte lì. Tutto quello che ho imparato è stato osservando i disegni degli artisti che ho avuto modo di conoscere, oltre alle opere che ho visto nei libri. Continuavo a pensare e cercare di capire come quell’artista fosse riuscito a raggiungere quel risultato, da dove avesse iniziato e, naturalmente, poi ho dovuto provare a farlo anche io.

Quando è stata la tua prima esperienza con l’acquerello?

La mia prima esperienza con l’acquerello (come hobbista) è stata a 12 anni.

Quel giorno ha segnato la mia vita. Da allora, qualsiasi paesaggio ho visto, l’ho immaginato ad acquerello, anche se solo nella mia mente. Cercavo di dipingere con acquerelli amatoriali, del tipo che vendono per i bambini di 7 anni. In realtà non sapevo nemmeno che esistesse un tipo di acquerello professionale, carte appropriate e pennelli specifici per dipingere ad acquerello.

Quindi i risultati dei miei tentativi furono frustranti.

Anni dopo mi sono trasferito in una città più grande, Goiânia, dove ho vissuto gran parte della mia vita, lì ho incontrato diversi artisti, grafici e illustratori; ho lavorato come fumettista in giornali, agenzie pubblicitarie, poi ho lavorato per molti anni come illustratore e graphic designer, ma sempre studiando (da solo) disegno e pittura. È stato a Goiânia dove ho avuto accesso al mio primo acquerello di migliore qualità, anche se non era ancora un acquerello professionale. Poi la mia passione per l’acquerello è rinata, ma è stato solo quando mi sono trasferito a San Paolo che ho avuto contatti con l’acquerello professionale, ricordo che ho acquistato un set di godet Professional Watercolour e un pennello Petit Gris, entrambi da Winsor & Newton.

Da allora non ho mai smesso di dipingere ad acquerello, ho dipinto compulsivamente, come chi capisce di aver perso molto tempo nella vita. Volevo recuperare gli anni perduti in pochi anni. Molte volte mi sono svegliato studiando acquarello.

Eudes, la figura umana predomina nei tuoi lavori, cittadini, turisti … dipingi le persone in situazione come un vero disegno urbano. Perché li scegli per dipingere?

Le persone mi attraggono, per i loro comportamenti, i loro atteggiamenti, le loro peculiarità. Mi piace raccontare storie attraverso di loro. Immagino il mondo senza persone, case senza persone, automobili senza persone … niente avrebbe senso. Le persone hanno un’anima, hanno colore, hanno sentimenti, emozioni… mi affascinano.

Ho conosciuto quest’uomo in Piazza Navona a Roma. Ha attirato la mia attenzione per via del suo aspetto, mi sono fermato a parlare ed è stato davvero gentile. È di famiglia di artisti, suo padre era un pittore. Mi ha autorizzato a dipingerlo. Mi piacciono questi incontri insoliti.

(Qui trovate due video di Eudes che dipinge a Roma: primo video e secondo video)

Qual è stato il tuo primo progetto artistico?

Nonostante abbia iniziato a dipingere molto presto, non ho mai avuto progetti artistici, volevo solo dipingere e la mia vita artistica andava avanti così.

Ho sempre cercato di imparare e non mi sono preoccupato di creare progetti. Mi sono sempre visto come uno studente eterno. Ho studiato molto disegno e pittura, varie tecniche, dal pastello ad olio, ma niente che mi appassionasse … finché non ho conosciuto l’acquerello. Insomma, se dovessi evidenziare un primo progetto, sarebbe i “Turisti”. Non è un progetto, ma è stato pensato con l’anima e ha fatto conoscere il mio lavoro in varie parti del mondo.

Conosciamo il tuo rapporto con il colore Turchese di cobalto chiaro di Winsor & Newton. Aggiungi dettagli con questo colore in ogni opera d’arte ed è il tuo colore distintivo, con cui ti firmi. Perché proprio questo colore? Cosa rappresenta per te? Quali sono i tuoi altri colori essenziali?

Con il Turchese di cobalto chiaro, è una lunga storia d’amore.

Mi sono innamorato di questo colore dalla prima volta che l’ho visto, è un colore che mi ricorda sempre il mare, e ho un legame molto grande con il mare. Mi sento ispirato quando lo vedo, quando sento le onde spazzare, anche quando sento solo l’odore del mare … questo mi ispira molto. Il Turchese di cobalto chiaro mi rispecchia, penso che sia un colore che mostra un po’ della mia anima. È un colore allegro, morbido ed emozionante.

Gli altri miei colori essenziali sono il Blu di Cobalto, il Rosso di cadmio, il Giallo Winsor e il Viola Winsor.

Quali sono i tuoi formati preferiti?
Non ho un formato preferito.

Mi piace esplorare diversi formati. La verità è che ciò che mi attrae di più è una buona composizione. Mi piace esplorare il bianco della carta e utilizzarlo per comporre i miei lavori.

Quali sono i prodotti con cui lavori attualmente?

Acquarelli Professional Watercolour e pennelli Winsor&Newton.

Il mio pennello preferito è il Petit gris, anche se mi piace molto anche il Series 7. Per quanto riguarda le carte, utilizzo la carta 100% cotone grana fine 300g sempre di Winsor & Newton

(Ecco la palette colori di Eudes:)

In ordine da sinistra a destra:
Blu di Prussia (538), Blu di Cobalto (178), Turchese Ftalo (526), Blu Ceruleo (137), Turchese di cobalto chiaro (191), Verde Acqua (697), Verde Veronese (692), Giallo Winsor (730), Giallo Trasparente (653), Giallo di cadmio arancio (089), Rosso di cadmio (094), Cremisi d’alzarina (004), Viola Winsor (733), Malva permanente (491), Seppia (609), Grigio di Payne (465)
Qual’è la tua principale fonte di ispirazione?
Dio.

Quali artisti della scena attuale vorresti evidenziare?

Ci sono tanti artisti che ammiro … ma ve ne cito alcuni: Joseph Zbucvick, Chien Chung Wei, Alvaro Castagnet, Charles Reid, Endré Penovac, Roberto Zangarelli, Cesc Farré, Julia Barminova, Ali Abbas, Dylan Scott Pierce e Deam Mitchell.

Com’è una giornata nella vita di Eudes? Come inizi il tuo processo creativo, segui un rituale?

Inizio alle 8 del mattino, mi piace prendere il caffè presto anche se inizio a lavorare solo dopo le 10.

Il mio processo creativo inizia in vari modi, non ho una routine standard per questo. Mi ispiro vedendo dipinti di altri artisti. Sono ispirato a vedere le meraviglie della vita, da un semplice fiore, il traffico caotico, un’alba lussureggiante e ovviamente vedere il mare e sentire le onde.

Mi ispira vedere i turisti camminare per le strade, molte volte stanchi, ma sempre con la faccia soddisfatta, mi ispiro agli abitanti delle strade, ai mendicanti, ai lavoratori comuni, ecc. Vivo in una città molto stimolante dove trovo tutto questo quotidianamente. Camminare per le strade di Lisbona mi ispira molto … il tram, passeggiare ai piedi del fiume Tago, seduto in un caffè per le strade di Lisbona.

Anche camminare nelle città italiane mi ha sempre ispirato.
L’Italia è uno dei miei paesi preferiti, non solo per il cibo delizioso, ma per la cordialità delle persone. Il modo espressivo e caldo italiano è molto simile al modo brasiliano.

Qui mi sento a casa.

(Live painting di Eudes a Milano)

Cosa significa per te l’arte?

L’arte è il modo in cui esprimi i tuoi sentimenti e racconti storie. L’arte è nella sensibilità che ci permette di vedere la bellezza in mezzo al caos.

Eudes, dai anche seminari sull’acquerello in tutto il mondo, come è successo? Come ti senti a trasferire le tue conoscenze agli altri?

Sì. Attraverso internet il mio lavoro è diventato noto e nel tempo ho iniziato a ricevere inviti a partecipare a Biennali, mostre, fare workshop, dimostrazioni e convegni ad eventi in vari paesi.

Mi sento privilegiato di poter vivere della mia arte.

È un grande privilegio poter trasmettere le mie conoscenze ad altri artisti che un giorno saranno grandi artisti. Conosco molti artisti che preferiscono chiudersi nei loro studi e tenere tutti i loro segreti artistici sotto chiave. Penso che abbiamo solo una vita, quindi preferisco trasmettere le mie conoscenze a quante più persone possibile e non mi preoccupo se molte di loro saranno migliori di me in futuro. Sarà un grande piacere per me. L’ho già sperimentato. Ho visto alcuni studenti che hanno studiato con me acquisire notorietà in tutto il mondo. Ne sono molto felice.

Quali sono i tuoi prossimi workshop e dove?

Ora, tutto è molto incerto. Non ho molti eventi confermati … la maggior parte sono stati soppressi e altri annullati. Dobbiamo aspettare che questa pandemia passi per vedere come sarà il futuro.

Sei ambasciatore Winsor & Newton ? Che cosa significa questo per te?

Per me è un grandissimo orgoglio. Winsor & Newton è stato il primo marchio professionale di acquerelli e pennelli che abbia mai usato. Ho sempre apprezzato molto i prodotti e il marchio. Lo vedo come un riconoscimento del mio lavoro in un universo così vasto e con così tanti bravi artisti.

È facile per me parlare dei prodotti Winsor & Newton, perché li uso e li ho utilizzati prima di diventare un ambasciatore del marchio.

Articolo scritto da:

Fondatore del progetto MomArte, appassionato di pittura e Belle Arti a 360 gradi, completamente autodidatta e felice di essere un "eterno studente" (d'altronde non si finisce mai di imparare, no?). Amo scrivere articoli dove parlo delle tecniche pittoriche e dei materiali per dipingere. Se hai qualche domanda scrivimi e sarò felice di risponderti, oppure scopri di più su di noi!

Leave A Comment