MomArte srls

Caratteristiche della carta Arches e confronto tra le varie tipologie

  • View Larger Image

Non molto tempo fa, sulle pagine del nostro blog, abbiamo raccontato la storia di Arches, storico marchio francese conosciuto in tutto il mondo per essere uno dei migliori produttori di carta per Belle Arti. Il brand nasce nel 1492 e fin da subito si è contraddistinto per l’elevata qualità dei prodotti e per la continua ricerca di innovazione.

Oggi ci concentreremo sulle caratteristiche di questa meravigliosa carta e parleremo delle differenze presenti tra le diverse tipologie. Partiamo!

Quali sono le caratteristiche della carta Arches?

La carta Arches è riconosciuta dagli artisti di tutto il mondo come un prodotto di elevatissima qualità. Sono diverse le caratteristiche che la portano ad essere un prodotto di eccellenza, in questo paragrafo proveremo ad elencarle e a descriverle brevemente. Andiamo!

La qualità della carta Arches

La qualità che ha reso famosissima la carta Arches deriva da una grande attenzione posta nel controllo di tutti gli step che compongono il processo produttivo.

L’azienda francese è particolarmente attenta alla formazione del foglio, ovvero alla distribuzione omogenea delle fibre nella carta, aspetto che è possibile notare soltanto se il foglio viene posto davanti alla luce. Molto importante è anche il test della cera, gli artigiani controllano che ci sia una buona coesione superficiale e che la carta risulti resistente ad eventuali strappi. Abbiamo poi la dilavatura, ovvero il processo che consente di capire se la carta è in grado di assorbire bene le pitture o meno, fondamentale soprattuto per l’acquerello.

Infine, uno dei controlli più interessanti che viene effettuato, è quello della cancellabilità ad umido. Ovvero viene verificato se l’artista, una volta commesso un errore, sia in grado di correggerlo con una spugna o con un pennello imbevuto nell’acqua.

Insomma, la produzione di supporti di qualità richiede tantissima cura e precisione!

Una rigorosa selezione delle materie prime: i linters di cotone

Un prodotto di qualità non puoi mai prescindere da materie prime di altissimo livello. Arches seleziona accuratamente tutto ciò che compone la carta e presta tantissima attenzione ad ogni singolo passaggio del processo produttivo.

In particolare, la carta Arches viene realizzata esclusivamente con fibre naturali al 100% come cotone, lino o l’alfa. Nello specifico, vengono utilizzati i linters di cotone, dei preziosissimi sottoprodotti del cotone stesso. Per chi non li conoscesse, sono quelle fini fibre setose che aderiscono ai semi.

L’utilizzo dei linters consente un ottimo intreccio delle fibre e quindi una eccellente tenuta della carta. Il loro uso rappresenta uno dei segreti della carta Arches, essi sono totalmente privi di acidi allo stato naturale e contengono un bassissimo contenuto di lignina, impedendo così alla carta di ingiallire nel tempo, a differenza invece di quanto avviene con la fibra di legno

La caratteristica della resistenza e della durabilità nel tempo, è una delle caratteristiche più importanti per i supporti Arches. Come avrai sicuramente avuto modo di vedere nell’articolo sulla storia, la filigrana è accompagnata dal simbolo dell’infinito. Esso rappresenta proprio la capacità della carta di durare infinitamente nel tempo.

La gelatinatura “à coeur”

Un dettaglio che forse non molti artisti sanno, è che Arches è l’unica cartiera al mondo ad incollare con gelatina “à coeur” la sua carta per acquerello. Questo è un dettaglio non da poco, infatti la collatura con la gelatina naturale permette di conservare la brillantezza e la trasparenza dei colori, impedendo ai pigmenti di oltrepassare lo spessore della carta.

Questa caratteristica consente la sovrapposizione di più strati di colore senza che la carta subisca raschiature oppure sfibramenti. I supporti per acquerello Arches sono in grado di assorbire una buona quantità d’acqua senza deformarsi e, grazie alla particolare composizione, è possibile rimuovere lo strato di colore applicato riuscendo a recuperare agilmente il bianco della carta.

Le rifiniture sono curate nei minimi dettagli

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare parlando della filigrana, spesso sono i dettagli a fare la differenza. Alla fine del ciclo produttivo, il taglio, così come l’esperienza tattile e visiva di ogni foglio, è affidato ad un team di donne di grandissima esperienza. La formazione infatti richiede un periodo decisamente lungo.

Ogni bobina viene srotolata e viene sottoposta ad un’accuratissima ispezione visiva, che avviene sopra ad un tavolo luminoso. Qualsiasi foglio dovesse riscontrare un difetto, anche piccolo, verrà scartato e riciclato. Questo rigoroso controllo garantisce ai clienti una qualità perfetta!

Il confronto tra le varie tipologie di carta Arches

In questo paragrafo vogliamo concentrarci su quelle che sono le caratteristiche che differenziano le diverse tipologie di carta Arches. In particolare andremo ad analizzare la carta Arches Aquarelle, spiegando quelle che sono le sue caratteristiche di produzione e che cosa differenzia le diverse grane.

Tutte le carte della gamma Arches Aquarelle vengono prodotte su forma rotonda, ovvero un metodo di produzione che consente di ottenere un supporto che per qualità si avvicina molto alla carta prodotta a mano. La lenta rotazione del cilindro consente alle fibre di depositarsi in maniera uniforme e di distribuirsi in tutte le direzioni. Tutto questo consente di ottenere una carta dalla grammatura particolarmente elevata, Arches infatti riesce ad offrire un supporto per acquerello che arriva fino a 850 gr/mq, e dall’alta resistenza.

Come accennato in precedenza, l’Arches Aquarelle è disponibile in 3 diversi tipi di grana, tra cui: la grana fine, adatta alla maggior parte delle tecniche o delle scene dipinte. Riflette la luce ed esalta la trasparenza dei pigmenti.

La grana satinata è impercettibile e in grado di assorbire i colori più rapidamente. È particolarmente consigliata per tutti quei lavori che necessitano una gran cura dei dettagli e per la realizzazione di tratti sottili.

Infine abbiamo la grana ruvida, quella più in rilievo delle altre. Essa consente di esaltare i diversi colori e i volumi.

Articolo scritto da:

Federico è appassionato di scrittura, di arte e di sport. Su MomArte si occupa della realizzazione degli articoli e dei rapporti con gli Artisti con cui collaboriamo!

Leave A Comment