MomArte srls

Andrea Sampaolo: ecco perché gli acrilici Liquitex sono adatti a una pittura Pop-astratta

  • View Larger Image

Dripping e sovrapposizioni, per un quadro alla Pollock servono colori di qualità. Andrea Sampaolo racconta la sua brand experience con Liquitex, da Miami a Roma.

Andrea Sampaolo è un artista romano, classe 1966, che ha fatto del colore la sua cifra espressiva. L’utilizzo dei colori, e degli acrilici in particolare, accompagna la sua carriera da tanti anni, da quelli vissuti in America, a Miami e New York, a quelli che lo vedono, ancora oggi, protagonista di molti progetti in varie zone d’Italia e in ambito internazionale. Il suo è uno stile che si inquadra nel filone dell’espressionismo astratto con richiami al graffitismo, ai linguaggi Pop e al gruppo degli Irascibili americani degli anni Cinquanta. Nelle sue opere, infatti, sono evidenti i richiami a grandi maestri da Jackson Pollock a Jean-Michel Basquiat.

Nei suoi lavori, densi di riferimenti cromatici, i materiali sono fondamentali, soprattutto per esaltare alcune tecniche utili per arrivare al giusto risultato espressivo.

Sin dagli anni americani, Andrea Sampaolo è molto legato agli acrilici Liquitex, di cui ha seguito tutte le evoluzioni fino alle soluzioni più recenti, con le quali ha messo a punto alcune opere di successo, sia per mostre sia per commissioni che gli sono state affidate da grandi aziende.

Liquitex – A. Sampaolo – foto G.Pastori – maggio 2021

Quali proprietà hai trovato negli acrilici Liquitex?
La mia esperienza di artista tra informale ed espressionismo astratto mi ha permesso di sperimentare molte soluzioni cromatiche, alla ricerca inarrestabile del giusto segno alchemico. Gli acrilici Liquitex sono quelli che a mio giudizio vengono di più in sostegno del processo creativo, perché riescono a esaltare le potenzialità del colore semplificando la gestualità tecnica.

Cosa intendi esattamente?
Nel mio lavoro cerco sempre il giusto equilibrio tra pastosità e fluidità, un equilibrio difficile da raggiungere quando si usano colori poco “puri”, perché si deve trovare il giusto livello di diluizione usando l’acqua. Gli acrilici Liquitex, in particolare i Soft Body, sono invece già miscelati nel modo corretto. Non solo, si prestano molto a essere usati su superfici diverse, perché sono molto versatili e morbidi e si aggrappano bene a ogni supporto, specialmente quelli più porosi come il legno o le stoffe.

Liquitex – A. Sampaolo – foto G.Pastori – maggio 2021

Lavori molto con le sovrapposizioni di colori diversi. Come rispondono gli acrilici Liquitex a questa tecnica?
Perfettamente. In questo esercizio gli acrilici Gouache mi hanno davvero sorpreso. Perché spatolando, dopo averli sovrapposti, ho ottenuto delle variabili molto intense fatte di bellissime venature e striature, che restituivano a ogni colore utilizzato il suo tono, senza cannibalizzazioni tra un colore e l’altro. Una fusione che ha dato vita a un effetto davvero molto bello.

Usi molto il dripping, quale caratteristica deve avere il colore perché questa tecnica funzioni?
Il dripping consiste nello sgocciolamento di colore sull’opera, affinché venga bene è necessario che il colore abbia una buona capacità di assorbimento e di essiccazione, che ne assicuri la permanenza. Per questa particolare necessità la Liquitex sembra abbia fatto proprio un prodotto specifico con gli Acrylic Ink, degli inchiostri molto pigmentati, perfetti per il dripping.

Liquitex – A. Sampaolo – foto G.Pastori – maggio 2021

L’essiccazione è anche un processo delicato per opere cariche di colori diverse come le tue.
Assolutamente. Nell’essiccazione si capisce la qualità di un colore. Perché con il tempo si può creare l’effetto cracklé, la tipica “spaccatura”. Questo avviene quando si usano colori industriali, che non superano la prova del tempo. Ovviamente mentre si dipinge non si può sempre prevedere questo effetto, ma per scongiurare il rischio il consiglio è quello di usare degli acrilici di qualità. Gli acrilici Liquitex non mi hanno mai consegnato questo spiacevole inconveniente, sia nelle opere su tela sia in quelle su superfici differenti. Bisogna rendersi conto che il colore è un prodotto vivo, come il vino, può cambiare la sua stabilità con il tempo se sottoposto a vari agenti. Ma quando il materiale è di buona qualità il risultato viene sempre fuori e resta eterno. Per un artista è fondamentale pensare che la sua opera si mantenga integra nel tempo e continui a rappresentarlo.

Liquitex – A. Sampaolo – foto G.Pastori – maggio 2021


Articolo a cura di Inside Art: www.insideart.eu

Articolo scritto da:

Federico è appassionato di scrittura, di arte e di sport. Su MomArte si occupa della realizzazione degli articoli e dei rapporti con gli Artisti con cui collaboriamo!

Leave A Comment