MomArte srls

Come trovare l’ispirazione per dipingere

  • View Larger Image

Non sono solamente gli scrittori a provare la sindrome del foglio bianco: questo è un problema che di fatto può colpire qualsiasi creativo, che “va in blocco”. Oggi vogliamo affrontare questo problema dal punto di vista della pittura, andando quindi a scoprire come trovare l’ispirazione per dipingere quando si è a corto di idee.

Come affrontare questa situazione? A nostro avviso, gli step da fare sono tre. Prima di tutto è necessario allontanarsi dalla tela, e prendere un attimo di pausa, per pensare a qualcos’altro per qualche secondo. In secondo luogo è necessario escludere quello che non si vuole dipingere. Il terzo passo, quello che permette davvero di trovare l’ispirazione, è passare in carrellata tutte le fonti possibili.

Continua a leggere: ti spiegheremo come affrontare la ricerca dell’ispirazione per dipingere!

Escludere quello che non si vuole dipingere

Prima di fornirti qualche idea riguardo le possibili fonti di ispirazione, la prima cosa da fare è sicuramente cercare di eliminare tutto ciò che non si vuole dipingere.

Abbiamo detto che prima di tutto devi prenderti una pausa e pensare a qualcos’altro. Qui non dovresti avere bisogno di nessuna istruzione: prenditi un caffè con un amico, fai una corsa, fai dello shopping, guardati un episodio della serie televisiva preferita, insomma, scegli una distrazione.

E poi? Poi passa al secondo punto, ovvero all’esclusione di quello che sicuramente non andrai a dipingere. Ancora prima di pensare a cosa andrai concretamente a dipingere, pensa a quello che non vuoi fare. Prendi un foglio ed elenca le tipologie di dipinto che potresti fare, dal paesaggio al ritratto, passando per l’astrazione. Una volta completato, cancella quelli che assolutamente non desideri fare.

Successivamente, passa agli stili: action paint, arte naif, astrattismo, realismo e via dicendo. Anche qui, elimina gli stili che non fanno per te. Potresti peraltro continuare su questa strada, eliminando i colori che non vuoi utilizzare nel tuo prossimo lavoro, e via dicendo.

In ogni caso, questa prima analisi dovrebbe essere utile per “restringere” il campo. Ora non ti resta che trovare l’ispirazione per dipingere!

Come trovare l’ispirazione per dipingere: 12 idee

Sono diverse le fonti che possono ispirare un artista, noi ne abbiamo elencate 12, scopriamole insieme!

Dalla natura

La natura sa essere una fonte d’ispirazione ricchissima. Il consiglio è quindi quello di uscire di casa e allontanarsi dal cemento, per concedersi una rilassata contemplazione di quello che ci circonda. Prati, fiori, alberi, montagne, rocce, laghi, pozzanghere, animali. Gli elementi da prendere in considerazione sono tantissimi, così come le linee, i colori, le texture e via dicendo: da una passeggiata in mezzo alla natura possono emergere i più differenti dipinti!

Dai propri vecchi schizzi

Un pittore dovrebbe sempre avere a portata di mano un blocco per gli schizzi, così da sfruttare i tempi morti e non lasciarsi scappare nemmeno un’idea.

Ecco allora che, potendo contare su schizzi fatti in passato e lasciati riposare, magari da pochi tratti tracciati distrattamente con un carboncino, si potrà trovare l’ispirazione giusta per un nuovo lavoro. Quindi, vai a dare un’occhiata al tuo blocco sketching. Non ne hai uno? Allora comprane uno, e inizia a mettere su carta le tue idee giorno per giorno!

Dalle persone che incontriamo

Ogni giorno incontriamo o vediamo tante persone diverse. L’amico, il parente, il commesso del supermercato, la barista, l’autista del bus, il vigile urbano, la professoressa, il clochard, la persona seduta di fronte a noi sul treno… ognuno di questi volti può averci colpito per un particolare, o magari per un peculiare gioco di luce. Meglio tenere a mente quello che ci colpisce – aiutandoci quando possibile con un blocco per gli schizzi, o magari con una foto scattata con lo smartphone (con il permesso del soggetto!).

Da altri dipinti

Chi è in cerca di ispirazione per dipingere dovrebbe indubbiamente mettere in conto l’opportunità di passare qualche ora all’interno di una pinacoteca o di una galleria d’arte. Potresti approfittarne per tornare a visitare un museo della tua città, o per organizzare una gita fuori porta per scoprire una nuova mostra o collezione. I maestri del passato lontano o vicino possono certamente darti tantissime idee, a livello di contenuti e di stile, per il tuo prossimo lavoro!

Da un’idea già usata

Forse lo spunto per il tuo prossimo dipinto è già presente in un tuo lavoro precedente. Forse un soggetto affrontato in passato merita maggiore approfondimento, maggiore attenzione, maggiore sviluppo. Da un’altra prospettiva, da una distanza maggiore o minore, con un’altra combinazione di colori: spesso i lavori basati sulle variazioni sono i più soddisfacenti.

Dalla tua giornata

Cosa è successo oggi (o ieri)? C’è stato un momento più significativo, un incontro che ti ha colpito, un’immagine che ti è rimasta impressa, qualcosa che hai fatto per la prima volta? Forse questo qualcosa può essere tradotto visivamente!

Da quello che ti sta attorno

Forse anche in questo momento, intorno a te, c’è qualcosa che vale la pena riportare in un dipinto. Talvolta infatti non serve andare a cercare lontano i soggetti per i propri dipinti: la sedia abbandonata in mezzo alla stanza, la tazza di tè fumante, la pianta alla quale hai scordato di dare l’acqua e che inizia a dare segni di sofferenza, il paesaggio urbano dalla finestra del tuo studiolo o della tua camera da letto: non trascurare mai oggetti e paesaggi familiari!

Dal cinema

Il cinema, come la pittura, è un’arte visiva. Ed è quindi frequente l’ispirazione proveniente da una pellicola, in particolare da film particolarmente studiati dal punto di vista della composizione. Pensiamo per esempio ai lavori di Wes Anderson, con il colore a definire le immagini e una fotografia spesso perfettamente simmetrica.

Dalla letteratura

Quando leggiamo un romanzo o una poesia la nostra testa si riempie di immagini. Il volto del coraggioso protagonista, la villa buia del cattivo, l’isola sperduta in mezzo all’oceano: tutto quello che noi raffiguriamo nella nostra mente può essere usato come ispirazione per un nuovo dipinto.

Dalla musica

Ci sono musicisti che compongono i propri brani sonori osservando dei dipinti, e ci sono pittori che dipingono ascoltando musica. Indubbiamente la musica classica è quella che ha ispirato il maggior numero di lavori nella storia dell’arte, ma è possibile dire che qualsiasi musica, purché capace di trasportare emozioni, possa stimolare un pittore con un orecchio disposto a lasciarsi trasportare.

Dal proprio diario

Prima abbiamo parlato del blocco degli schizzi. Va però detto che anche le memorie scritte dell’artista possono tornare utili per trovare l’ispirazione per dipingere. Leggendo il proprio diario è possibile rivivere dei momenti importanti della nostra vita, ricreare delle atmosfera, riportare alla mente dei ricordi sopiti, spesso talmente lucidi da poter essere riportati efficacemente e facilmente su tela.

Da nuovi medium

Forse, per trovare una nuova idea, tutto quello che devi fare è cambiare qualcosa nel tuo metodo di pittura. Metti da parte il pennello e usa la spatola, lascia i colori a olio e sperimenta con gli acquerelli, metti da parte la tua solita palette e provane una completamente nuova. Insomma, cambia la tua routine pittorica, esci dalla tua zona di comfort: certe volte questa può essere la più efficace e divertente delle soluzioni!

Articolo scritto da:

Federico è appassionato di scrittura, di arte e di sport. Su MomArte si occupa della realizzazione degli articoli e dei rapporti con gli Artisti con cui collaboriamo!

Leave A Comment