MomArte srls

Come si fa il colore rosso?

By |2019-10-23T07:51:47+02:0023 Ottobre 2019|Guide|0 Comments

Ecco una domanda che può avere tante risposte diverse: come si fa il colore rosso?

Non è per nulla una domanda banale come si potrebbe pensare, e non è nemmeno un quesito che nessuno si porrebbe mai.

Del resto, il solo fatto che tu sia qui a leggere questo articolo dimostra che non è così scontato come si pensa sapere come si fa il rosso – e sapere se è realmente possibile ottenere questo colore a partire da altre tinte, con i colori a olio, con i colori a tempera e via dicendo.

Il rosso è un colore ampiamente presente nei dipinti: è il colore dell’amore, della passione, della seduzione, della lussuria, del peccato del fuoco e dell’aggressività, nonché ovviamente del sangue, con tutta la simbologia annessa che questo collegamento ha avuto nei secoli scorsi, a partire dal sangue di Cristo.

Il rosso è il colore perfetto se si desidera attirare l’attenzione: lo sanno bene gli esperti di marketing, che lo consigliano spesso per i loghi delle aziende, per le insegne dei negozi e via dicendo.

Inchiostro rosso su sfondo bianco a linee

Può accadere, però, che tu voglia iniziare un nuovo dipinto, pur non avendo a disposizione il tubetto del rosso.
Dovresti forse rinunciare? Assolutamente no!

Molto probabilmente, tra i tuoi ricordi degli studi, c’è il fatto che il rosso è un colore primario e che, in quanto tale, non può in alcun modo essere creato.
Ma è davvero così, non c’è nessuna via di scampo? Forse no, o forse sì: scopriamo insieme come si fa il colore rosso!

Colori primari e secondari: la sintesi additiva e la sintesi sottrattiva

A scuola molto probabilmente ti hanno insegnato che ci sono tre colori primari, ovvero il rosso, il blu e il giallo, mescolando i quali puoi ottenere i colori secondari, ovvero l’arancio (mescolando giallo e rosso), il verde (mescolando il giallo e il blu) e il viola (mescolando rosso e blu).

Mescolando poi i colori primari in diverse parti si possono ottenere i cosiddetti colori terziari.

Altrettanto probabilmente, con i tuoi colori a tempera, a olio o acrilici, avrai già provato di tanto in tanto a ottenere i colori secondari e terziari, talvolta per divertimento, altre volte per necessità.

Non hai però mai provato a ottenere i colori primari, o come minimo non ti sei mai posto – fino a oggi – la domanda su come si fa il colore rosso.
E questo perché a scuola ti hanno spiegato per l’appunto che partire dai colori primari è possibile ottenere qualsiasi colore, ma anche che i colori primari non si possono ottenere in alcun modo.

Insomma, vanno acquistati, non c’è nessuna altra possibilità.
Ed effettivamente è così. Ma questo non vuol dire che il rosso non si può ottenere mescolando altri colori.

Colore acrilico denso rosso

Un paradosso? Niente affatto.
Devi infatti sapere che il rosso non è, in realtà, un colore primario.

O meglio, il rosso è un colore primario – insieme al verde e al blu – nella sintesi additiva, la quale fa riferimento ai colori primari prodotti dalla luce.
Questi tre colori primari, sommati tra loro danno il bianco (a essere più precisi, danno la luce bianca).

Non esiste, però, solamente la sintesi additiva.
Esiste infatti anche quella sottrattiva, la quale prende in considerazione i colori che caratterizzano la materia.
In questo caso la somma dei tre colori non dà più il bianco, quanto invece, al contrario, il nero.

Per la sintesi sottrattiva, i tre colori primari sono il ciano, il magenta e il giallo.
Ecco quindi che, da questo punto di vista, il rosso non è più un colore primario: la conseguenza diretta è che in effetti questo può essere ottenuto mescolando altri colori.

Riassumendo e traslando quanto detto su un lato pratico, da quando ci si è staccati dalle antiche versioni del centro cromatico e si sono date le fondamenta della colorometria, si è capito che tra i colori primari non c’è il rosso, quanto invece il magenta, ovvero – per chi non è un asso nel riconoscere i colori e che deve quindi leggere tutte le volte il nome sul tubetto – una sorta di fucsia.

Come ti dicevamo, quindi, la domanda ‘come si fa il colore rosso’ non è scontata come qualcuno avrebbe potuto pensare: per ora sai che, abbandonando la vecchia versione del cerchio cromatico, è effettivamente possibile creare il rosso a partire da altri colori. In che modo?

Matisse: lo studio rosso

Come si fa il colore rosso

Di fatto, dovresti già aver capito che, per fare il colore rosso, si deve usare il magenta.
Sì, perché è quello il colore primario fondamentale per tutta la gamma dei rossi.

Ipotizziamo quindi che nella scatola dei tuoi tubetti di colore a olio ci siano solo i tre colori primari, ovvero il giallo, il magenta e il ciano (più gli indispensabili tubetti di bianco e di nero).

Come dovresti fare per ottenere un bel rosso?
Ebbene, non dovresti fare altro che prendere il tubetto magenta, versarne un po’ sulla tua tavolozza, e aggiungere una punta di giallo, per poi mescolare il tutto con il tuo pennello.

Il risultato sarà indubitabilmente un colore rosso: con una dose maggiore di giallo, invece, otterrai un colore arancio.
Per avere un rosso chiaro, per avvicinarti al corallo, dovresti aggiungere un filino di bianco, laddove invece, per avere un rosso più scuro, ti servirà per forza di cose un po’ di nero. Aggiungendo sia il bianco che il nero, invece, otterrai un rosso opaco.

Rosso chiaro con l'acquerello

Tanti diversi tipi di rosso

Entra in un negozio di frutta e verdura, e gira tra pomodori, fragole, pesche, albicocche, mele, peperoni, ciliegie, melograni, ribes: quante diverse sfumature di rosso esistono?

E ora entra in una galleria: anche lì, tra un quadro e l’altro, troverai tantissime diverse sfumature di questo medesimo colore, talvolta tendente all’arancione, altre volte tendente al porpora, per non parlare per i rossi che si avvicinano al viola o al marrone!

Chi desidera dare il meglio sulla tela con il proprio pennello deve dedicare un po’ di tempo anche allo studio dei colori, per scoprire che oltre al rosso e al magenta esistono il carminio, ovvero un rosso molto scuro, il rosso di cadmio, brillante e coprente, il vermiglione, a metà strada tra il porpora e l’arancione, e ancora il cinabro, lo scarlatto, il terracotta, il rosso Tiziano, il bordeaux, il granata, il rosso Valentino, il rosso Ferrari, il rosso di Persia, il ruggine, l’amaranto, il rosso veneziano, il rosso pompeiano… si fa presto a dire rosso, non trovi?!?

  • 4,90 € Disponibile, APPROFITTA!
    Maimeri
    rating ( 1 )

    Tempera Extrafine Maimeri Gouache 20ml, dal tono coprente e compatto. Asciuga rapidamente, l'effetto finale è uniforme e denso di colore!

    da 4,90 €
    Disponibile, APPROFITTA!
  • -10%
    4,41 € 4,90 € -10%Disponibile, APPROFITTA!
    Talens
    rating ( 3 )

    Tempera Gouache ExtraFine by Talens, Colore Intenso e Finitura Opaca. Asciugatura rapida e Aderenza su tutti i supporti non grassi ma un'pò Porosi, disponibile in 60 Colori in tubetto da 20ml.

    da 4,90 €   da 4,41 €
    Prezzi ridotti!
    Disponibile, APPROFITTA!
  • -20%
    3,12 € 3,90 € -20%Disponibile, APPROFITTA!
    Daler Rowney

    Acquafine Gouache Daler Rowney. Colori a tempera opachi e coprenti, disponibili in 30 tonalità. Formato da 15ml e 38ml in tubetto di metallo. Ottimo rapporto qualità/prezzo per studenti, appassionati di pittura ed hobbysti!

    da 3,90 €   da 3,12 €
    Prezzi ridotti!
    Disponibile, APPROFITTA!

Info sull'autore:

Fondatore del progetto MomArte, appassionato di pittura e Belle Arti a 360 gradi, completamente autodidatta e felice di essere un "eterno studente" (d'altronde non si finisce mai di imparare, no?). Amo scrivere articoli dove parlo delle tecniche pittoriche e dei materiali per dipingere. Se hai qualche domanda scrivimi e sarò felice di risponderti, oppure scopri di più su di noi!

Leave A Comment