MomArte srls

8 motivi per far disegnare e dipingere i bambini

  • View Larger Image 8 motivi per far disegnare e dipingere i bambini

Mai lasciare un bambino senza la possibilità di disegnare, di scarabocchiare e di colorare.

Quando ne ha voglia, insomma, un bambino dovrebbe poter prendere in mano matite colorate, pennarelli, pastelli o pennelli e mettersi a giocare con i colori, esprimendo la propria arte, le proprie emozioni e le proprie sensazioni su carta!

In questo modo si spera non lo faccia su pareti, divani, schermi di tv e computer e coperte di casa!
Sempre meglio, quindi, avere a disposizione un numero sufficiente di fogli, dotandosi di blocchi da disegno a volontà.

Occhio, non stiamo istigando i più piccoli all’anarchia: anche l’arte deve avere il suo tempo.
C’è il riposino e c’è l’arte, le due cose non si escludono. E, nel caso dei bambini più piccoli, la regola fondamentale è sempre quella di tenere accessori da disegno e colori fuori dalla loro portata, affinché sia l’adulto a decidere quando dedicare del tempo all’arte.

L’importante è che, ogni volta che il bambino desidera disegnare e colorare, ce ne sia la possibilità e che possa farlo con colori per bambini sicuri ed affidabili.

Vediamo quindi perché tutti i bambini, fin dalla più tenera età, dovrebbero avere a che fare con matite, pastelli, pennarelli, pennelli e colori!

L’importanza dell’arte nell’infanzia: 8 motivi per far disegnare e dipingere i bambini
I bambini disegnano e dipingono: il ruolo degli adulti

L’importanza dell’arte nell’infanzia: perché i bambini dovrebbero disegnare, colorare e dipingere

Perché i bambini dovrebbero disegnare. colorare e dipingere? Perché l’arte è importantissima, anche e soprattutto per i bambini più piccoli.

Dal momento in cui i bebè iniziano ad acquisire un controllo occhio-mano sufficiente, tra le loro mani dovrebbe essere posto un pastello o un pennarello, per permettergli di sperimentare, di inventare, di creare, senza peraltro preoccuparsi di fare dei “bei” disegni. Quella è una preoccupazione dei soli adulti: i bambini, quando disegnano e colorano, si esprimono, affermano la loro personalità, non pensano a creare qualcosa che debba poi essere appeso o cercando una bellezza standardizzata.

Senza limiti, senza regole, senza condizionamenti: ecco com’è l’arte dei bambini, ed è proprio per questo che è così importante. Non a caso, Pablo Picasso ebbe a dire «a quattro anni dipingevo come Raffaello, poi ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino».

Partiamo subito con 8 motivi per far disegnare e dipingere i bambini.

Migliora le abilità motorie

Disegnare, dipingere, colorare: ancora prima di essere delle attività artistiche, sono delle attività motorie.

A noi ovviamente non sembra, ma per un bambino già il fatto di impugnare una matita e tracciare una figura su un foglio è una “ginnastica” notevole, che lo impegna profondamente, per coordinare il braccio e la mano nel modo giusto. D’altronde le stesse persone che si cimentano nell’arte in tarda età hanno qualche difficoltà nell’impugnare nel modo giusto matite e pennelli, no?

Ecco allora che il disegno e la pittura aiutano i bambini a coordinare le loro abilità motorie, a sviluppare i muscoli di mani e polsi.
E questo sarà un grande vantaggio per poi imparare a scrivere in modo più semplice e veloce!

L’arte per monitorare lo sviluppo dei bambini

Ogni bambino segue un percorso di sviluppo e di crescita differente.
C’è chi impara a parlare prestissimo, chi si rifiuta di fare il primo passo per lunghissimo tempo, chi fin da piccolo dimostra doti artistiche eccezionali.

Far disegnare e colorare i bambini aiuta i genitori a monitorare, in qualche modo, il loro sviluppo, per inorgoglirsi nel momento in cui saprà tracciare un cerchio o accostare due colori e per capire quali sono le aree alle quali dedicare maggiore attenzione.

Una questione neurologica

Lo ammettiamo: di neurologia, noialtri, ne capiamo ben poco, per non dire nulla.
Ma i ricercatori ci dicono – e noi ci fidiamo ciecamente – che disegnare e colorare nell’infanzia è un ottimo modo per favorire e stimolare nuove connessioni a livello neurale, così da incentivare lo sviluppo neurologico in un’età fondamentale per la crescita come sono i primi anni di vita.

In parole povere: l’arte farà un gran bene al cervello del bambino!

Più arte, più fiducia in se stessi

Disegnare un gatto con tutte e quattro le zampe, creare il classico disegno della famigliola a lato della casa, completo di sole o di albero, o semplicemente tracciare le prime forme realistiche.

Ogni piccolo traguardo artistico è una piccola medaglia al petto di bambini e bambine, fondamentale per accrescere la loro fiducia in sé stessi.

Risultati migliori a scuola

Considerando quanto abbiamo detto fino a questo punto, non dovrebbe stupire il fatto che incoraggiare i bambini a disegnare e a colorare, dando a loro gli accessori necessari per farlo, li possa aiutare a progredire con maggiore facilità a scuola.

A dimostrarlo, se ce ne fosse bisogno, c’è uno studio pubblicato sulla rivista Early Childhood Research Quarterly (Volume 45) che dimostra come le performance dei bambini che in età prescolare hanno seguito lezioni di arte siano migliori rispetto a quelle dei colleghi, con benefici che vanno ben oltre il solo campo artistico.

Abbiamo usato il termine performance, ma la scuola naturalmente non è una gara. Quel che è certo è che il nostro bambino sarà facilitato nell’apprendimento e nell’esecuzione dei suoi compiti se lo aiutiamo a sviluppare il suo cervello grazie all’arte.

Colorare per dare sfogo alle emozioni

Negli ultimi anni hanno iniziato a spopolare i quaderni da colorare antistress per adulti.
Il concetto di base è semplice: colorare è un’attività che aiuta a dare sfogo alle proprie emozioni.

Questo meccanismo funziona anche per i bambini, che colorando possono magari liberarsi dello stress accumulato durante la giornata. Ahimè, anche i bambini accumulano stress, per esempio dopo una giornata di asilo, o più tardi dopo una giornata particolarmente pesante a scuola.

Elaborare i conflitti

Abbiamo detto che i bambini hanno a che fare con lo stress fin dall’infanzia. Ebbene, si trovano a dover affrontare, di tanto in tanto, anche dei piccoli conflitti.

Secondo la psicologa e psicoterapeuta Anna Oliverio Ferraris, disegnare aiuta i più piccoli a elaborare anche questo ultimi, imparando a proiettare all’esterno i propri pensieri e a organizzarli su un foglio bianco, così da mettere ordine tra le proprie idee.

L’amore per l’arte può avere radici profonde

L’ultimo ottimo motivo per cui i bambini dovrebbero iniziare presto a disegnare e a colorare è strettamente legato al mondo dell’arte.

Indubbiamente, infatti, la passione per l’arte e per la cultura è un dono che aiuta ad affrontare la vita in modo migliore.

I bambini che fin da piccoli vengono esposti all’arte – come dimostrato da uno studio dell’Arts Council of England – sono poi più propensi a sviluppare una solida passione per la cultura nel corso della propria vita, soprattutto se incoraggiati a disegnare, colorare e pitturare in prima persona.

I bambini disegnano e dipingono: il ruolo degli adulti

Questo post non verrà certo letto da bambini, bensì da genitori, fratelli, zii, baby sitter, animatori e via dicendo.

Va dunque sottolineato che gli adulti, in queste attività, hanno un ruolo ben preciso. Devono infatti supportare l’attività artistica senza però intervenire attivamente: è sufficiente la presenza, condita da qualche consiglio, ma niente di più, per non creare pressioni o insicurezze. Sono ovviamente di rigore i complimenti, mentre sono abolite le critiche, come anche le correzioni.

A volte basta davvero poco: complimentarsi per un disegno realizzato interamente dal bambino, lo aiuterà a sviluppare sicurezza in se stesso, a rendersi conto che anche lui è capace di “creare” e che questa capacità viene riconosciuta dalle persone che gli stanno intorno.

E poi, ovviamente, sta agli adulti procurare gli accessori giusti da disegno, senza punte aguzze e senza sostanze tossiche, meglio ancora se facilmente lavabili. Tempere, matitone, pastelli… la lista è lunghissima!

Articolo scritto da:

Fondatore del progetto MomArte, appassionato di pittura e Belle Arti a 360 gradi, completamente autodidatta e felice di essere un "eterno studente" (d'altronde non si finisce mai di imparare, no?). Amo scrivere articoli dove parlo delle tecniche pittoriche e dei materiali per dipingere. Se hai qualche domanda scrivimi e sarò felice di risponderti, oppure scopri di più su di noi!

2 Comments

  1. Laura 10 Aprile 2020 at 23:29 - Reply

    Molto molto interessante questo articolo, avevo ricevuto la newsletter ma non lo avevo ancora letto. Grazie per i consigli preziosi.

    • Tiziano 16 Aprile 2020 at 8:52 - Reply

      Prego Laura! Siamo contenti che l’articolo le sia piaciuto.
      Se ha domande o idee per migliorarlo ci scriva pure! 😉

Leave A Comment